Il progetto si rivolge a circa 250 bambine/i compresi tra i 4 e i 9 anni, provenienti dalla valle di Nyaburoro, Kigali – Rwanda, che frequentano la scuola materna e le prime classi della scuola primaria. La maggior parte di loro proviene da famiglie residenti in città, in abitazioni fatiscenti che, per sconsiderate scelte urbanistiche operate dal governo, sono state demolite perché considerate indecorose.

A seguito delle demolizioni, gran parte di queste persone si sono rifugiate nella valle di Nyaburoro, dove hanno dovuto ricostruire le loro capanne. Al momento attuale, quindi, questa popolazione è composta da famiglie sfrattate e sfollate.

Attraverso l’iniziativa “Abbiamo riso per una cosa seria” si vuole garantire a questi ragazzi il pranzo durante i giorni di scuola, che per molti rappresenta l’unico pasto giornaliero. Molti di loro percorrono diversi chilometri al giorno a piedi per poter arrivare a scuola, nonostante siano piccolissimi e spesso arrivano a digiuno.

Scarica il depliant