Il 90% della popolazione burundese si dedica all’agricoltura familiare, un’agricoltura per lo più di sussistenza che non riesce sempre a garantire cibo sufficiente. Grazie ad una strategia elaborata con le comunità locali, nelle province di Ruyigi e Rutana LVIA ha strutturato dei servizi agricoli ed investito sulla formazione degli agricoltori in modo che le famiglie possano vivere del proprio lavoro e nello stesso tempo migliorare la qualità e la quantità dell’alimentazione.

Il principio su cui si basano le attività è “Insieme è meglio”, cioè è più vantaggioso aggregare le produzioni, ad esempio per una presenza più forte sul mercato, piuttosto che fare tutto da sé, che è invece l’abitudine. Le comunità, seppur di gruppi e idee politiche diverse, hanno in comune il desiderio di sviluppo. Allora, l’impatto del progetto va oltre… diventa un terreno d’intesa per costruire sviluppo, minimizzando le tendenze divisorie nella società. Hutu e Tutsi, insieme, si riconoscono in un’unica forma di organizzazione ed in un obiettivo per il benessere comune.

 

Scarica il Depliant

 

Guarda la MOSTRA FOTOGRAFICA realizzata in missione in Burundi, per documentare il progetto

Per approfondire il tema dell’agricoltura familiare, dell’agro-ecologia, del warrantage e dei centri di sviluppo rurale, scarica la BROCHURE